Affari cosche con narcos Albania,arresti

Le cosche di 'ndrangheta del vibonese erano entrate in affari con i narcos albanesi, ritenuti dagli investigatori i più importanti produttori di marijuana del continente, saltando l'intermediazione della criminalità brindisina, storicamente in affari con i narcotrafficanti del Paese delle Aquile, riuscendo a contrattare l'importazione in poco meno di tre mesi di 5 tonnellate di marijuana per un valore di 10 milioni di euro. E' quanto emerso dall'inchiesta "Stammer 2-Melina" che stamani ha portato all'arresto di 25 persone - 18 in carcere e 7 ai domiciliari - tra Calabria, Puglia, Sicilia, Lazio, Toscana, Lombardia e Albania. Le indagini, condotte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria-Gico sezione Goa di Catanzaro, con la collaborazione dello Scico di Roma ed il supporto della Dcsa, e coordinata dalla Dda catanzarese, sono nate da uno stralcio dell'operazione "Stammer", che nel gennaio 2017 colpì le 'ndrine vibonesi solitamente impegnate nel business della cocaina. (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Calabria Reportage
  2. Calabria Reportage
  3. CN24
  4. Il Giornale di Calabria
  5. IlReventino.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Isca sullo Ionio

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...